È possibile rinnovare il bagno di casa a metà prezzo con maggior serenità grazie alle importanti agevolazioni previste per il 2021. Il Governo ha infatti confermato il Bonus Ristrutturazioni con l’ultima Legge di Bilancio, prevedendo un rimborso del 50% delle spese sostenute fino ad un limite massimo di 96.000€. La restituzione del 50% può avvenire in tre modi diversi: 1) Con la detrazione fiscale in 10 anni e rata annua fissa sulla dichiarazione dei redditi; 2) Con la cessione del credito tra il contribuente e l’ente cessionario; 3) Con lo sconto immediato del 50% in fattura

Cos’è lo sconto 50% in fattura?

Si tratta di una novità introdotta nel Decreto Rilancio che ampia e chiarisce quanto già stabilito nella Legge di Bilancio 2020 nella parte relativa all’Ecobonus, cioè il bonus fiscale che consente di detrarre in 10 o 5 anni il 50% o il 65% delle spese destinate ad aumentare l’efficienza energetica degli edifici.

Lavori al bagno: quando spetta lo sconto 50% in fattura

Lo sconto in fattura (Ecobonus) permette di fare i lavori di ristrutturazione a condizioni davvero vantaggiose perché trasferisce alle imprese l’onere di recuperare il contributo statale riconosciuto al committente come forma di sconto fiscale. I lavori che possono usufruire dello sconto in fattura sono: le ristrutturazioni edilizie, l’efficientamento energetico, i lavori antisismici, il recupero o restauro delle facciate degli edifici esistenti, l’installazione di impianti solari fotovoltaici e di colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici. Non tutti i lavori in bagno danno diritto al bonus; non è, infatti, sufficiente cambiare i soli sanitari o trasformare la vasca in doccia per avere diritto all’agevolazione fiscale del 50%, ma se questi lavori rientrano in un intervento di ristrutturazione degli impianti, come la sostituzione delle tubature e il rifacimento dell’impianto idrico, allora possono essere detratti insieme ai costi delle piastrelle, della rubinetteria idonea al risparmio di acqua e della tinteggiatura delle pareti. Bagni Italiani applica lo sconto immediato in fattura del 50% per i lavori di rifacimento del bagno. Il servizio offerto contempla tutto: dalle pratiche allo smaltimento dei rifiuti, compresa la pulizia dei locali rinnovati. La scelta di affidarsi ad un unico interlocutore azzera i “tempi morti” e, grazie alle proprie squadre ben organizzate, la consegna dei lavori avviene dopo soli 5 giorni.

Sconto in fattura e cessione del credito: modalità di rimborso

Lo sconto in fattura permette di avere uno sconto immediato da parte del fornitore, il quale anticipa al cliente la somma che avrebbe detratto in 10 anni dalle imposte e lo recupera come credito d’imposta, con facoltà di successiva di cedere il credito ad altri soggetti (istituti di credito, intermediari finanziari, ecc). Possono beneficiare dello sconto in fattura sia i condomini che le singole unità immobiliari adibite ad abitazione principale o seconde case (in quest’ultimo caso lo sconto in fattura potrà essere richiesto solo dalle persone fisiche al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti e professioni).

Una risposta

I commenti sono chiusi.